VACCINAZIONE: INCENDIO TOTALE

Fonte Fonte cz24.news 

I Paesi Ue più vaccinati si trovano nella
stessa situazione di prima dell’introduzione della vaccinazione, ma: “È
arrivato il momento della terza e quarta dose obbligatorie nell’Ue”.
UE: Il medico e attivista Juraj Mesík attualmente avverte che anche i
paesi che sono stati orgogliosi del titolo di uno dei paesi più
vaccinati al mondo sono attualmente esattamente nella stessa situazione
di quando avevano un tasso di vaccinazione dell’uno percento o zero

graf prípady covid

“Il Portogallo, con l’89% di vaccinati “a tutti gli effetti”, ha tanti “casi”
giornalieri quanti ne aveva il 10 febbraio. L’1% della popolazione
ce lo aveva. La Spagna, con l’81% “completamente vaccinato”, è oggi il
secondo paese più contagiato dell’UE con tanti “casi” quanti ne aveva il
2 febbraio. Anche l’1% della popolazione ne soffriva prima. E gli italiani,
con il 74% della popolazione, hanno tanti “casi” quanti a novembre 2020.
Che era pari allo zero% della popolazione “, ricorda Mesik.

Secondo lui, l’unica cosa diversa da febbraio o novembre è il saldo del
conto dell’azienda farmaceutica Pfizer.

E conoscete la differenza tra i paesi dell’UE e il Giappone o l’India?
L’ Ivermectina.
Aggiungiamo un confronto con il Giappone (e l’India) con accesso a a quel farmaco.

Portogallo – 350 volte più “casi” rispetto al Giappone, Paese con il 30%
di persone con più di 65 anni.

Spagna – 520 volte più “casi”.

Italia – 320 volte più “casi”.
“Non si tratta solo di ‘casi’: anche il bilancio ufficiale delle vittime
per milione è centuplicato rispetto al Giappone. In breve, è giunto il
momento per la terza e la quarta dose obbligatorie nell’UE.
Quando non funziona, devi insistere, soprattutto per
non dimenticare i bambini e i giovani, la più grande minaccia degli anni
Ottanta “, ha sottolineato Mesík.

Mentire sul tema della “pandemia dei non vaccinati” è la strategia.
I media mainstream potrebbero iniziare a sospettare che questa “politica
di vaccinazione” non funzioni affatto. Nell’articolo di ieri sul
quotidiano Sme, in cui si scriveva che metà delle persone nella
geriatria di Košice hanno il covid, deliberatamente non ha dichiarato la
la quota dei vaccinati in questa tragedia locale.

“Nemmeno una virgola su quanti di loro non
sono vaccinati? Ho
dimenticato qualcosa? O sta accadendo qualcosa di così ovvio nella
realtà che non possono più mentire sull’amato argomento della ” pandemia
de vaccinati “? ” Chiede il dottore.

Secondo lui, il contenuto dell’articolo indica solo fino a che punto
questo governo ha portato la Slovacchia. Ed è uno spettacolo triste.
Tuttavia, è stato ribadito dall’affermazione che “la differenza è che
ora abbiamo i mezzi per curare”. Come se finora non avessimo avuto
alcuna opzione.

“Bene, signori e signore, l’anno scorso sono stati disponibili farmaci
efficaci e sicuri – vitamina D, zinco, melatonina, HCQ e IVM. Solo
che i
medici sono stati banditi dal governo per cure ambulatoriali tempestive,
efficaci ed economiche”, ha ricordato .

È stato fatto per ottenere il via libera all’uso dell’inefficace e
pericoloso farmaco remdesivir all’incredibile prezzo di 2100 euro. E sta
succedendo adesso. Solo remdesivir ha sostituito un altro farmaco più efficace ed economico.

Tutto questo perché “affinché il governo possa acquistare remdesivir o
molnupiravir attuale, anticorpi monoclonali e altri costosi farmaci
sperimentali dalla grande fattoria per decine di milioni di
euro senza alcun appalto pubblico e controllo”, ha aggiunto il dottor
Juraj Mesík.

ISCRIZIONE NEWSLETTER RIMANETE AGGIORNATI

Scritto da /

Lascia un Commento

Your email address will not be published.

Start typing and press Enter to search

19.007.018-ACCESSI AL SITO -