Terze dosi al minimo, solo 150mila in media al giorno la scorsa settimana

Il buon andamento della campagna vaccinale è una delle variabili alle quali il governo lega il graduale allentamento delle restrizioni anti-Covid. Prima di tornare gradualmente alla normalità il premier Mario Draghi aspetta di verificare il calo costante della curva dei contagi, l’allentamento della pressione sugli ospedali e la continuità della campagna vaccinale.

Ma al governo non sfugge il dato del calo delle vaccinazioni. La scorsa settimana, in base ai dati di Lab24, la media delle prime dosi è stata di 17.500 al giorno. Minimo storico e quasi la metà rispetto alle 30mila della settimana precedente. Ma a far suonare un campanello d’allarme è soprattutto il crollo delle terze dosi. Siamo a 36,5 milioni di somministrazioni. Significa che quasi il 62% della popolazione ha fatto il richiamo.

Ma la media giornaliera di terze dosi è in flessione costante. La scorsa settimana è stata di 156mila somministrazioni rispetto alle 245mila della settimana precedente e al picco delle 530mila registrato nella settimana 10-16 gennaio). Tanto che molti hub chiudono e quasi tutte le Regioni tornano a fare vaccini senza prenotazioni e a organizzare open day.

Sempre in base ai dati di Lab24, la classifica delle regioni in base alla percentuale della platea immunizzata con terza dose sul podio si piazzano Lazio (72,6%), Puglia (71,7%) e Umbria (71,3%). In fondo alla graduatoria Sicilia (57,9%), provincia autonoma di Bolzano (60,5%) e Calabria (61,7%).

Fonte il Sole 24 ore

SCARICA il Brano con una piccola donazione di 1,99

ISCRIZIONE NEWSLETTER RIMANETE AGGIORNATI

Scritto da /

Lascia un Commento

Your email address will not be published.

Start typing and press Enter to search

18.234.252-ACCESSI AL SITO