RIVELAZIONI DAL RILASCIO DEI DOCUMENTI SUI TRIALS DEL VACCINO COVID-19 DI PFIZER | Perchè volevano nasconderli?

Abbiamo  esaminato documenti  della   sperimentazione del vaccino Pfizer Covid che l’azienda è stata costretta a rilasciare (150 finora, con molti altri in arrivo). Per quanto i risultati sono preliminari e devono essere verificati, ecco alcuni dei punti chiave della loro analisi.

Leggi anche: Nuovo studio: i vaccini mRNA alterano il DNA del fegato umano in vitro

1. Nonostante le recenti affermazioni secondo cui i vaccini avrebbero sempre e solo lo scopo di ridurre malattie gravi, è chiaro nei documenti  (vedi estratti sotto) che la presentazione di Pfizer alla FDA era per un vaccino che fornisse: “Vaccinazione attiva per prevenire il Covid-19 causato da SARS-CoV-2 in individui di età pari o superiore a 16 anni“. Questo scopo del farmaco è affermato ripetutamente. Ecco cosa dovrebbe fare, per cosa è stato autorizzato. Ciò significa che ha fallito e non è chiaro il motivo per cui ciò non dovrebbe invalidare l’autorizzazione agli occhi dell’organismo di approvazione.

2. È stato osservato un numero elevato di eventi avversi ed era chiaro che molte erano reazioni al vaccino poiché erano molto più elevate nel braccio vaccinale dello studio e aumentavano ad ogni dose.

La relazione tra le dosi è stata osservata in particolare negli studi sugli animali. Nei documenti, Pfizer  afferma : ‘Sono state osservate reazioni locali in animali maschi e femmine trattati per via intramuscolare con BNT162b2 (V8). L’incidenza e la gravità delle reazioni erano maggiori dopo la seconda o la terza iniezione rispetto alla prima iniezione. La maggior parte degli animali presentava un edema molto lieve o raramente un leggero eritema dopo la prima dose. Dopo la seconda o la terza dose, la gravità dell’edema e dell’eritema è aumentata fino a livelli moderati o raramente gravi.’

Leggi: I DANNI DEL VACCINO PFIZER

Gli studi sugli animali hanno anche mostrato gravi reazioni avverse di necrosi muscolare e aumento delle dimensioni e del peso della milza: “I pesi assoluti e relativi (al corpo) della milza più elevati correlati a BNT162b2 (V8) (fino a 1,62 volte i controlli) erano evidenti e correlati all’osservazione macroscopica di aumento delle dimensioni della milza… L’infiammazione al sito di iniezione era associata a edema moderato, lieve degenerazione delle miofibre, necrosi muscolare occasionale e lieve fibrosi.’

Leggi anche: Il vaccino Pfizer Covid-19 distrugge le cellule T e indebolisce il sistema immunitario

I  documenti  mostrano che i riceventi il ​​vaccino avevano molte più probabilità di subire gravi eventi avversi rispetto ai riceventi il ​​placebo, da due volte a 25 o più volte più probabilità di avere gravi eventi sistemici rispetto al gruppo placebo.

Gli eventi sistemici erano più del doppio delle probabilità nel braccio vaccinale, con quasi un quarto della coorte che ne soffriva. 

“Entro sette giorni dopo ogni dose,  il doppio delle persone  (23%) nel gruppo vaccinato ha sofferto di eventi sistemici rispetto al gruppo placebo (11,3%), mentre nel gruppo vaccinato è stata notata febbre 14 volte maggiore tanto quanto il gruppo placebo.’

Leggi anche: COSA LEGA BILL GATES, PFIZER E L’MHRA?


3. È molto chiaro nei  documenti  che il vaccino non rimane nel sito di iniezione ma viaggia ampiamente in tutto il corpo. I dati degli studi sugli animali mostrano che con una dose in un periodo di 48 ore la quantità di vaccino diminuisce dal sito di iniezione e aumenta sostanzialmente nelle ovaie, nel fegato e nella milza in particolare, ma anche nelle ghiandole surrenali, nella vescica, nelle ossa, nel midollo, occhi, intestino crasso, linfonodi, pancreas, ghiandole salivari, pelle, intestino tenue, testicoli, timo, tiroide e utero. 

Guarda il video: DISINFESTAZIONE IN CORSO: PFIZER

In particolare , lo 0,09 per cento dell’iniezione finisce nelle ovaie, l’1,03 per cento nella milza e circa il 16,2 per cento nel fegato dopo 48 ore. La  tabella  seguente mostra alcuni dei dati. Ciò conferma quanto si sapeva dai  dati giapponesi .

L’evidenziazione in giallo indica che la quantità di μg di lipidi equivalenti/g dell’iniezione di Pfizer aumenta anziché diminuire nel periodo di 48 ore osservato. Arancio significa uguale al giallo ma moderatamente alto rispetto ad altri. Rosso significa uguale al giallo ma è molto alto rispetto a tutti gli altri. Il verde è dove è iniziata l’iniezione e dove hanno affermato che sarebbe rimasta. Diminuisce chiaramente nel tempo e si manifesta in altri punti del corpo, in particolare il fegato, le ovaie e la milza.

4. I  dati  mostrano anche che l’efficacia del vaccino diminuisce molto rapidamente nel tempo, fino al 50% in un mese dopo la seconda dose, a giudicare dai livelli di anticorpi IgG leganti S1 e leganti RBD.

5. Nei documenti, Pfizer  ha difeso  il sistema di segnalazione degli effetti collaterali VAERS come un sistema “robusto” che è “progettato per rilevare problemi di sicurezza con i vaccini” quando voleva uscire dal monitoraggio stesso degli effetti collaterali (vedi sotto). Tuttavia, successivamente lo straordinario numero di segnalazioni VAERS è stato in gran parte trattato come incidentale e non correlato ai vaccini, nonostante i dati degli studi forniscano tutte le ragioni per aspettarsi un numero elevato di reazioni avverse.

Questo è articolo è apparso sul  Daily Skeptic   ed è stato ripubblicato per gentile concessione

Fonte databaseitalia.it – Davide Donateo

SCARICA il Brano con una piccola donazione di 1,99

ISCRIZIONE NEWSLETTER RIMANETE AGGIORNATI

Scritto da /

Lascia un Commento

Your email address will not be published.

Start typing and press Enter to search

18.988.441-ACCESSI AL SITO