Rare ulcere vulvari segnalate in ragazze adolescenti dopo la vaccinazione Pfizer COVID-19

Secondo l’edizione di aprile del Journal of Pediatric & Adolescent Gynecology, a diverse ragazze adolescenti sono stati diagnosticati casi di ulcere vulvari rare dopo aver ricevuto una seconda dose di RNA messaggero Pfizer (mRNA).

Sei casi di ragazze adolescenti di età compresa tra 12 e 16 anni che hanno sviluppato ulcere genitali dolorose entro quattro giorni dalla loro seconda dose di vaccino sono stati riportati nella rivista medica.

Questa è la prima volta che casi di ulcere vulvari in adolescenti e giovani donne vengono affrontati e discussi nella letteratura medica.

I medici in questi casi affermano che è “importante identificare e spiegare i possibili effetti avversi per aiutare a dissipare l’esitazione che alcuni pazienti potrebbero provare nel ricevere un nuovo vaccino”.

Le ulcere vulvari, note come ulcere aftose vulvari, ulcere lipschütz o ulcerazioni genitali acute, sono lesioni dolorose non acquisite sessualmente formate sulle strutture esterne dei genitali femminili o sulla vulva. La condizione colpisce principalmente adolescenti e giovani donne, ma sono stati segnalati anche casi di donne anziane.

A differenza delle ulcere della bocca che sono una reazione avversa consolidata di alcuni vaccini, compresi i sieri COVID-19 somministrate negli Stati Uniti, le ulcere vulvari non lo sono.

Una semplice ricerca sul Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS) per l’ulcera aftosa, l’ulcerazione vaginale, l’ulcerazione vulvare e il vaccino Pfizer COVID-19 , ha prodotto 282 eventi totali al 14 aprile.

Di questi, oltre 40 segnalazioni erano relative a ulcere genitali in adolescenti e giovani donne diversi giorni dopo la seconda iniezione di Pfizer, mentre le altre erano segnalazioni di ulcere alla bocca. Diversi casi si sono verificati anche dopo la prima e la terza dose. La più giovane a sperimentare le ulcere vulvari è stata una bambina di 10 anni della Carolina del Nord, che ha sviluppato diverse lesioni dolorose 24 ore dopo la sua seconda iniezione di Pfizer il 29 gennaio 2022, [Numero ID VAERS: 2087752-1]. È risultata negativa al virus dell’herpes simplex. Il rapporto non menzionava se fosse stato somministrato un test COVID-19. I Centers for Disease Control and Prevention (CDC) avvertono che le segnalazioni fatte a VAERS non dimostrano necessariamente il nesso di causalità.

“Sebbene siano molto importanti nel monitoraggio della sicurezza del vaccino, i rapporti VAERS da soli non possono essere utilizzati per determinare se un vaccino ha causato o contribuito a un evento avverso o a una malattia”, ha scritto il CDC .

IL REPORT COMPLETO DEI CASI QUI

Fonte databesseitalia.it

SCARICA il Brano con una piccola donazione di 1,99

ISCRIZIONE NEWSLETTER RIMANETE AGGIORNATI

Scritto da /

Lascia un Commento

Your email address will not be published.

Start typing and press Enter to search

19.387.995-ACCESSI AL SITO -