L’Ue mette in guardia dal vaccinarsi ogni quattro mesi

Secondo l’Agenzia europea del farmaco, un richiamo tre volte l’anno rischia di indebolire il sistema immunitario. I Paesi dovrebbero lasciare di più tempo tra i programmi di richiamo e legarli all’inizio della stagione fredda, considerano quindi Omicron un’endemia e non più una pandemia

Fonte milanofinanza.it – di Elena Dal Maso

Le autorità di regolamentazione dell’Unione europea hanno avvertito che frequenti richiami del vaccino potrebbero influire negativamente sul sistema immunitario e una ripetizione ogni quattro mesi potrebbe non essere immaginabile. Booster tre volte l’anno rischiano di indebolire il sistema immunitario e stancare molto le persone, secondo l’Agenzia europea del farmaco (Ema).

Lo scrive l’agenzia americana Bloomberg citando le parole di Marco Cavaleri, responsabile dell’Ema. Secondo l’istituto europeo, i Paesi dovrebbero lasciare di più tempo tra i programmi di richiamo e legarli all’inizio della stagione fredda in ogni emisfero, seguendo il progetto stabilito dalle strategie di vaccinazione antinfluenzale. Anche per l’Oms entro due mesi il 50% degli europei sarà contagiato con la popolazione che si avvicinerà quindi allo scenario endemico.

Il consiglio arriva quando alcuni Paesi, come la Spagna, considerano la possibilità di trattare il Covid come un’endemia, al pari dell’influenza.  Il premier spagnolo Pedro Sànchez sta infatti preparando i cittadini alle novità che vivranno nel 2022: “Dobbiamo valutare l’evoluzione del Covid dalla situazione di pandemia vissuta finora verso quella di una malattia endemica”, ha spiegato il politico.

All’inizio di gennaio, Israele è diventata la prima nazione ad iniziare ad amministrare un secondo rinforzo, ovvero la quarta iniezione, per gli over 60. Il Regno Unito ha ha detto che i booster stanno fornendo buoni livelli di protezione e non c’è bisogno di un secondo richiamo al momento, ma esaminerà i dati man mano che si evolvono.

I richiami “possono essere fatti una, o forse due volte, ma non lo è qualcosa che possiamo pensare che dovrebbe essere ripetuto costantemente”, ha spiegato Marco Cavaleri, responsabile dell’Ema per le minacce alla salute biologica e la strategia per i vaccini. “Abbiamo bisogno di pensare a come possiamo passare dall’attuale pandemia in un ambiente più endemico”, ha aggiunto l’esperto.

Cavaleri ha aggiunto durante il briefing che gli antivirali orali e per via endovenosa, come Paxlovid e Remdesivir, mantengono la loro efficacia contro la variante Omicron. L’Agenzia ha anticipato che aprile potrebbe essere il primo primo mese in cui l’Ema potrebbe approvare un nuovo vaccino mirato a variante specifica, dal momento che il processo richiede da tre a quattro mesi. Alcuni dei più grandi produttori di vaccini al mondo hanno detto stanno cercando di produrre vaccini che potrebbero mirare a nuovi varianti. 


ISCRIZIONE NEWSLETTER RIMANETE AGGIORNATI

Scritto da /

Lascia un Commento

Your email address will not be published.

Start typing and press Enter to search

18.234.252-ACCESSI AL SITO