La Von der Leyen, Perchè spinge sempre più alla Vaccinazione?

UE: Bruxelles – I paesi dell’Unione europea dovrebbero compiere progressi sulla vaccinazione contro COVID-19 con dosi di richiamo e completamento della vaccinazione di persone precedentemente non protette come parte del rallentamento dell’attuale ondata di infezione da coronavirus. La presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen lo ha chiesto oggi, dicendo che era tempo di discutere della vaccinazione obbligatoria, che la CE non ha il diritto di parlare con i paesi membri. La buona notizia, ha detto, è che i vaccini per i bambini tra i cinque e gli 11 anni saranno disponibili per gli Stati membri il 13 dicembre. Questo è una settimana prima del piano originale calcolato.

“Al momento, stiamo affrontando una seria sfida su due fronti”, ha detto von der Leyen ai giornalisti oggi, riferendosi al fatto che oltre alla rapida diffusione della variante delta, l’UE affronta un rischio sconosciuto della variante non ancora provata dell’omicron. Pertanto, dato l’effetto calante dei vaccini, i paesi dell’UE dovrebbero procedere il più rapidamente possibile a vaccinare le loro popolazioni con una dose di richiamo. Allo stesso tempo, le persone non protette devono essere persuase a farsi vaccinare, ha detto von der Leyen. In tutto il ventisette, il 66% dell’intera popolazione è attualmente completamente vaccinato, ha detto. Mentre alcuni paesi, come il Portogallo e l’Irlanda, hanno già vaccinato oltre i quattro quinti della popolazione, gli Stati balcanici, ad esempio, sono appena un quarto.

Secondo von der Leyen, Pfizer e BioNTech hanno promesso di accelerare la produzione di vaccini che i paesi membri possono iniziare a vaccinare i bambini più piccoli in meno di due settimane. Originariamente, avrebbero dovuto riceverli il 20 dicembre.

Il capo del Comitato europeo europeo ha anche commentato la questione della vaccinazione obbligatoria, che l’Austria vuole introdurre, ad esempio, il futuro cancelliere tedesco Olaf Scholz ne sta parlando e se ne sta discutendo anche nella Repubblica ceca.

“Penso che questa discussione sia appropriata”, ha detto il politico tedesco. Tuttavia, ha sottolineato che questa è solo la sua opinione privata e la Commissione europea non intende parlare con gli Stati nelle loro prerogative.

Fonte cz24.news

ISCRIZIONE NEWSLETTER RIMANETE AGGIORNATI

Scritto da /

Lascia un Commento

Your email address will not be published.

Start typing and press Enter to search

18.988.441-ACCESSI AL SITO