La conferma di Pfizer: il “vaccino” Comirnaty contiene ALC-0315: sostanza ritenuta cancerogena.

Fonte francescadonato.eu

Il Dott. Domenico Biscardi, per gli amici semplicemente Mimmo, ci ha lasciati. Queste parole hanno rappresentato la mestissima sveglia, nella fredda mattina del 12 gennaio 2022, per le migliaia di persone che lo conoscevano.
Il tutto nel silenzio assordante di una dipartita tanto misteriosa, quanto annunciata.
Remo, noi della redazione conoscendo il tuo profondo legame con lui, siamo rimasti timidamente in attesa di un segnale, per capire se poter esprimere il cordoglio da parte dell’associazione, temendo che qualsiasi evocazione, invece che alleviare il tuo patire, potesse recarti ancora più dolore.
Drago, anche ieri a tarda notte, hai pronunciato entusiastiche parole di ammirazione nei suoi confronti. Nei confronti di un uomo di scienza, di caratura culturale e morale elevatissima, il quale aveva accolto con piacere l’invito di unirsi a noi e fare squadra.
Ricordiamo commossi con quanto entusiasmo e orgoglio, il nostro Presidente Drago e il nostro Vice Presidente Vicario Remo, ci comunicarono che il Dott. Domenico Biscardi aveva accettato di fare parte del nostro  Comitato Tecnico Scientifico e di lavorare fianco a fianco con altrettanti luminari, animati da un unica ragione, la Ricerca della verità in nome della Scienza, onorando il giuramento fatto anche a costo della propria vita.
Riecheggiano come ordigni e pesano come macigni le parole di uno dei suoi ultimi audio:
“Se devo morire, voglio morire da Eroe”.
Ecco Mimmo, per noi di OSA sei un eroe e ti promettiamo, solennemente, che la tua morte non sarà avvenuta invano.
Il tuo lavoro, le tue ricerche e le tue scoperte saranno portate alla luce e divulgate ovunque ma, soprattutto, chiediamo inflessibilmente e con forza che venga fatta luce sulla tua improvvisa e, perlomeno, ambigua scomparsa.

La conferma di Pfizer: il “vaccino” Comirnaty contiene ALC-0315, sostanza ritenuta cancerogena. Una esperta di sicurezza sul lavoro e di rischio chimico ha effettuato queste valutazioni a partire dai documenti resi pubblici dalla stessa Pfizer.

Il punto di vista è molto interessante perchè proviene da un professionista che si occupa di sicurezza sul lavoro e rischio chimico e che guarda pertanto la vicenda in modo tecnico e documentale.

Le schede di sicurezza dei prodotti chimici

“Per effettuare la valutazione del rischio chimico devo consultare le schede di sicurezza dei prodotti chimici utilizzati dai lavoratori. Specifico che la scheda di sicurezza SDS (Safety Data Sheet) è un documento che riporta le informazioni che devono accompagnare i prodotti chimici lungo tutta la catena di approvvigionamento: dal produttore o importatore del prodotto fino all’utilizzatore finale. Tale documento contiene in particolare tutte le informazioni sulle proprietà fisico–chimiche, tossicologiche e di pericolo necessarie per un corretto e sicuro utilizzo delle sostanze e miscele.”

La scheda di sicurezza del Comirnaty

“Quindi per mia curiosità ho ricercato ed analizzato la scheda di sicurezza del vaccino Comirnaty della Pfizer-BioNTech. Come si evince dalla sezione 2 il prodotto viene classificato come non pericoloso.

Nella sezione 3 vengono riportati tutti i componenti e per ogni componente dovrebbe essere riportata la rispettiva classificazione di pericolo secondo il Regolamento CE 1272/2008 (CLP). Nella colonna riferita alla classificazione di pericolo viene riportato come componente pericoloso solo il potassio cloruro classificato come H303 Acute Tox 5 (che significa può essere nocivo in caso di ingestione), mentre per tutti gli altri componenti del vaccino viene indicata la frase “no data available”(tradotto in “nessun dato disponibile”).”

“Questa comune indicazione riportata per tutti i componenti del vaccino mi è apparsa subito strana cosicchè ho ricercato le schede di sicurezza dei componenti stessi ed ho reperito la scheda dell’eccipiente.”

La scheda di sicurezza di ALC-0315

“Innanzitutto vi segnalo che nella sezione 1 della scheda di sicurezza ALC-0315 in “applicazione della sostanza” viene riportato dal produttore stesso che il prodotto è ad uso di ricerca, non per uso diagnostico o terapeutico umano o animale.”

“Ma la caratteristica più importante del prodotto viene riportata nella sezione 2 “identificazione dei rischi”, infatti viene classificato come pericoloso, in particolare come Carc. 1A, ossia “può provocare il cancro”.”

“Come mai questa classificazione dell’eccipiente ALC 0315 non è stata riportata nella scheda di sicurezza del vaccino Comirnaty? In particolare nella sezione 3 nella colonna che dovrebbe riportare la classificazione di pericolo secondo il Regolamento CE 1272/2008 (CLP).

L’eccipiente ALC 0315 è un lipide sintetico che ingloba il principio attivo, quindi ha un ruolo molto importante nel vaccino. Ma se risulta pericoloso, perché non viene segnalato?”

L’autorizzazione del “vaccino” Comirnaty

“Studiando l’autorizzazione del vaccino Comirnaty vi segnalo quanto segue:

A pag 2 “posologia e modo di somministrazione” viene scritto:

Non sono disponibili dati sull’intercambiabilità di Comirnaty con altri vaccini contro COVID-19 per completare il ciclo di vaccinazione. I soggetti che hanno ricevuto 1 dose di Comirnaty devono ricevere una seconda dose di Comirnaty per completare il ciclo di vaccinazione”.

“Ma allora mi chiedo come mai negli hub si proceda mescolando le varie tipologie di “vaccini, ignorando le stesse segnalazioni del produttore”? E come mai la strategia vaccinale non tiene conto di questa indicazione ed addirittura già da giugno viene promossa l’intercambiabilità tra i “vaccini”?

A pag. 9 “genotossicità/Potenziale cancerogeno” viene scritto:

Non sono stati condotti studi di genotossicità o sul potenziale cancerogeno.”

Dunque si ritiene che i componenti del vaccino (lipidi e mRNA) non presentino alcun potenziale genotossico. Viene dunque ingnorato in assenza di studi specifici quanto riportato nella scheda di sicurezza ALC-0315 classificato Carc. 1A, come spiegato sopra.

A Pag. 10 al punto 6.1 si ritrovano gli eccipienti del vaccino tra cui proprio ALC-0315, quindi si conferma la sua presenza, come riportato nella scheda di sicurezza.

A pag. 17 “Condizioni o limitazioni di fornitura e utilizzo” viene scritto:

“Medicinale soggetto a prescrizione medica”.

La questione della prescrizione medica è già stata stata attenzionata  dall’avvocato Renate Holzeisen anche in sede legale. Resta inspiegabile questa contraddizione, ovvero che negli hub vaccinali non richiedono la prescrizione medica ed addirittura si chiede al paziente di assumersi in proprio ogni responsabilità. Dovrebbe essere il medico di famiglia che dopo accertamenti diagnostici accurati che valuta la necessità del vaccino e quindi prescriverlo.

La presenza di elementi riconosciuti tossici e cancerogeni non è comunque compatibile con la somministrazione coatta.

ISCRIZIONE NEWSLETTER RIMANETE AGGIORNATI

Scritto da /

Lascia un Commento

Your email address will not be published.

Start typing and press Enter to search

19.007.018-ACCESSI AL SITO -