L’ Amministratore delegato della Tesla Elon Musk si schiera contro le politiche sui vaccini Covid-19: no obblighi

di Katabella Roberts – m.epochtimes.it

L’amministratore delegato di Tesla, Elon Musk, si è schierato contro gli obblighi vaccinali  anti-Covid-19, affermando che tali politiche non dovrebbero essere messe in atto negli Stati Uniti.

In un’intervista con la rivista Time, che lunedì lo ha nominato la persona dell’anno 2021, il miliardario ha confermato di essere stato vaccinato. «Sì, sì. Sono molto favorevole alla vaccinazione. La scienza è inequivocabile, ho twittato in tal senso», ha spiegato. Tuttavia, l’uomo d’affari è contrario alle rigide politiche obbligatorie sui vaccini Covid-19, in particolare quando costringono i dipendenti a dover scegliere tra farsi le vaccinazioni o perdere il lavoro. «Ma per lo stesso motivo sono contrario a costringere le persone a essere vaccinate», ha detto Musk. «Sai, penso che questo non sia qualcosa che dovremmo fare in America. Penso che dovremmo incoraggiare le persone a farsi vaccinare, cercare con forza di convincerle a farsi vaccinare, ma non costringerle a farsi vaccinare o, ad esempio, a vaccinarsi pena il licenziamento».

I commenti di Musk arrivano in un momento in cui gli obblighi vaccinali vengono messi in discussione negli Stati Uniti sia a livello statale che federale.

All’inizio di novembre il presidente Biden ha emanato nuove regole, applicate dall’amministrazione per la sicurezza e la salute sul lavoro, in merito alle vaccinazioni e ai test Covid-19 per i datori di lavoro.

Le regole dovrebbero entrare in vigore il 4 gennaio e impongono che i datori di lavoro con 100 o più dipendenti si assicurino che ciascuno dei propri lavoratori sia completamente vaccinato o che eseguano il test per il Covid-19 su base almeno settimanale. Tutti i lavoratori non vaccinati devono inoltre indossare una mascherina sul posto di lavoro.

Anche i dipendenti dell’assistenza sanitaria che lavorano nelle strutture che partecipano a Medicare e Medicaid, compresi gli ospedali e le strutture di assistenza a lungo termine, devono essere completamente vaccinati, il che dovrebbe interessare oltre 17 milioni di lavoratori.

In risposta, sono state aperte diverse cause legali contro l’amministrazione per ciò che alcuni hanno definito un «government overreach» (ovvero un allungare troppo il naso, da parte del governo, in faccende che non gli dovrebbero competere).

Secondo i Centers for Disease Control and Prevention (Cdc), il 72,1 percento degli adulti negli Stati Uniti è completamente vaccinato, o poco meno del 61 percento della popolazione totale, mentre il 72,2 percento della popolazione totale ha ricevuto almeno un’iniezione.

Nel frattempo, alcuni funzionari sanitari hanno esortato il pubblico a rinforzare le precauzioni di sicurezza, inclusa la vaccinazione, alla luce dell’emergere dell’ultima variante Omicron.

All’inizio di questo mese, il chirurgo Vivek Murthy ha affermato che gli americani non dovrebbero farsi prendere dal panico per la nuova variante del coronavirus, ma continuare a indossare mascherine, mantenere le distanze sociali e farsi vaccinare. «Penso che sia un motivo per noi per non necessariamente farci prendere dal panico, ma essere più vigili e riconoscere che le precauzioni di cui abbiamo parlato nell’ultimo anno o giù di lì sono più importanti che mai», ha detto Murthy a Fox News domenica.

Finora solo una persona in tutto il mondo risulta morta dopo aver contratto la variante Omicron. Non è chiaro se l’individuo deceduto, morto in Gran Bretagna, avesse problemi di salute di base.

Funzionari sanitari federali e autorità di altri Paesi hanno segnalato che i primi dati indicano che Omicron è una variante più mite rispetto al ceppo Delta.

La dott.ssa Rochelle Walensky, direttrice dei Centers for Disease Control and Prevention, ha dichiarato la all’Associated Press la scorsa settimana, che Omicron è «mite» e che la maggior parte dei sintomi include tosse, congestione e affaticamento. «Quello che generalmente sappiamo è che più mutazioni ha una variante, più alto è il livello di cui hai bisogno per la tua immunità […] Vogliamo assicurarci di rafforzare l’immunità di tutti. Ed è proprio questo che ha motivato la decisione di espandere la nostra guida», ha affermato Walensky.

ISCRIZIONE NEWSLETTER RIMANETE AGGIORNATI

Scritto da /

Lascia un Commento

Your email address will not be published.

Start typing and press Enter to search

19.007.018-ACCESSI AL SITO -