Il Trattato pandemico dell’Oms è una dichiarazione di guerra all’umanità

I tirapiedi globalisti piantati nei nostri governi da coloro che cercano di affermarsi come pastori della razza umana, che considerano bestiame, intendono firmare un trattato che porrà fine anche alla pretesa di libertà di cui disponiamo attualmente.

Il futuro destinato all’umanità da questi psicopatici (che si considerano le “persone migliori” i cui crimini contro i loro simili sono giustificati dalla loro innata superiorità genetica) è un inferno biochimico microcontrollato.

Il futuro destinato all’umanità (non che ci sia mai stato chiesto) è quello della libertà…libertà di essere presi in giro, controllati, intimiditi, vittime di bullismo e generalmente disorientati da un’aristocrazia parassitaria di degenerati monetieri. Libertà, proprio l’esatto opposto sotto ogni aspetto di ciò che i globalisti hanno in mente per noi.

La prima visione , il manicomio distopico voluto dal sindacato criminale globalista, è quella che viene imposta o inflitta dall’alto senza consultazione per scoprire se la vogliamo davvero. Deve essere imposto perché se la visione fosse mai spiegata e il nostro permesso richiesto, il proponente riceverebbe senza dubbio un’attenzione molto breve. Molto spesso l’inflizione avviene con l’inganno, sotterfugio e falsi pretesti per lo stesso motivo: se i globalisti fossero onesti su ciò che stanno cercando di fare, il novanta per cento o più dell’umanità sarebbe molto, molto

L’attuale trattato sulla pandemia è un esempio calzante. È camuffato per apparire come qualcosa “per il nostro bene” (ricordate la finta pandemia?) Il risultato previsto, tuttavia, è la resa da parte dei nostri politici traditori della nostra sovranità, delegare la libertà e dare il diritto di avere voce in capitolo nel nostro governo a gruppi criminali di cui solo un idiota si fiderebbe.

La seconda visione  scaturisce dalle radici della comunità umana e dai veri bisogni, desideri, speranze e sogni di persone reali. Sta crescendo e diffondendosi velocemente, ispirando energie e catalizzando un fiorente e numeroso movimento di libertà.

Gli aspiranti schiavisti globalisti dell’uomo, nel decidere che siamo bestiame, hanno ovviamente commesso un errore fatale, una grossolana sottovalutazione di coloro con cui hanno a che fare.

C’è una guerra in corso per il nostro pianeta e queste sono le due forze opposte in conflitto.
Molto presto ognuno di noi dovrà scegliere da che parte stare.

E così fa ogni politico che cede la sovranità della sua nazione e la libertà dei cittadini che si fidavano di lui. firmando questo trattato.

È essenzialmente un tradimento della fiducia e ogni politico che appone la sua firma al trattato sta commettendo un atto di tradimento e dovrebbe essere trattato di conseguenza.

Naturalmente, tali trattati devono ancora essere applicati e l’applicazione diventa impossibile quando l’opposizione e la non conformità sono diffuse, unificate, organizzate e feroci. Anche Cesare fallisce quando il Popolo diventa riluttante a collaborare.

C’è una legge naturale che dice che non puoi far rispettare leggi che contraddicono i costumi e le usanze delle persone.

La feccia traditrice che firma disinvolta per il governo di parassiti senza volto ha una tempesta di merda in arrivo e non sopravviverà.

L’umanità è in aumento.

Uniamoci e rimuoviamo questa feccia traditrice dal gioco.

ostile.

Questo cosiddetto trattato pandemico è la vera, più grande presa di potere globale che chiunque di noi abbia mai visto nella sua vita, afferma Neil Oliver

Questo è reale e sta accadendo ora. E molte persone preferirebbero che tu non prestassi attenzione.

Eppure eccoci qui, in bilico sul punto di unirci alla maggior parte dei paesi del mondo nella resa della nostra sovranità nazionale secondo i termini di un nuovo trattato sulla pandemia proposto.

Una volta che l’inchiostro britannico si sarà asciugato sulle scartoffie necessarie, noi e la maggior parte del resto dei miliardi di persone che vivono sul pianeta Terra, in caso di un’altra pandemia, prenderemo le nostre istruzioni non dai politici per cui abbiamo effettivamente votato (ma quando mai!) ma dai burocrati non eletti e senza volto dell’OMS.

Questa non è una teoria del complotto, comunque. Non sono richiesti cappelli di stagnola. Questo è reale e sta accadendo ora. E molte persone preferirebbero che tu non prestassi attenzione.

L’OMS è una propaggine favolosamente ricca delle Nazioni Unite. Ha sede a Ginevra ed è attualmente guidata dall’etiope Tedros Adhanom Ghebreyesus. Sai molto di lui?

No vero? Sono finanziati da 194 stati membri e anche da donazioni di enti privati. Allo stato attuale, la maggior parte dei suoi soldi proviene dagli Stati Uniti, dalla Cina comunista e dal venditore di computer e uomo di mistero internazionale Bill Gates.

Ricordiamo che negli ultimi due anni l’OMS ha celebrato a gran voce l’approccio adottato dalla Cina alla gestione del Covid-19.

Anche ora, mentre decine o forse centinaia di milioni di cittadini cinesi rimangono rinchiusi nelle loro case in decine di città in tutto il paese… e dopo che un numero sconosciuto è morto in quelle circostanze, compresi alcuni che si sono suicidati saltando verso la morte dal loro palazzone in cui erano reclusi… l’OMS continua ad applaudire alla tattica del Partito Comunista Cinese che ne è il benefattore.

Dal canto suo Bill Gates, che fatica persino a controllare i virus nel software venduto da Microsoft, sta ammirando l’approccio draconiano adottato dall’Australia, al punto che ha affermato che secondo lui il mondo avrebbe avuto maggiore successo nell’affrontare il Covid se ne avesse seguito l’esempio.

Ora noi in Gran Bretagna – senza aver dato il permesso ai nostri leader – e insieme a circa il 95 per cento della popolazione mondiale – dobbiamo contemplare un futuro in cui le decisioni su ciò che ci verrà ordinato di fare in caso di un’altra pandemia sarà presa dai burocrati non eletti e irresponsabili dell’OMS adoratori del Partito Comunista Cinese, sotto l’influenza sconveniente di un miliardario della tecnologia senza più qualifiche nel campo della medicina e del controllo delle malattie di quelle che ho io.

Vale la pena ricordare che il presidente Donald Trump ha insistito per il divorzio dall’OMS, sulla base del fatto che era troppo vicino alla Cina, solo perché il presidente Biden si risposasse di nuovo nel 2021. Tutto questo, tuttavia, è storia. Tra pochi giorni l’Assemblea Mondiale della Sanità si riunirà a Ginevra per votare il trattato. La data obiettivo per la ratifica finale è maggio 2024, ma per allora l’acquisizione di potere sarà stata completata da tempo.

Gli emendamenti scritti nel trattato proposto dalla rinnovata amministrazione Biden vedranno 194 nazioni cedere la sovranità sulle decisioni sanitarie nazionali all’OMS. L’OMS avrebbe quindi potere decisionale al di sopra del nostro governo e di ogni altro governo.

Considera questo: quando guardi i filmati dei 26 milioni di persone di Shanghai rinchiusi nelle loro case, i loro cani e gatti picchiati a morte per strada… l’OMS, secondo i termini del nuovo trattato, avrebbe il potere di imporre lo stesso sulle nostre città. Sappi anche che, ai sensi del trattato, l’OMS non deve – mostrare alcun dato per legittimare le sue conclusioni o decisioni.

Vale anche la pena sapere, per non dire altro, che spetterà all’OMS definire quale sarà la prossima pandemia. Vedendo come stanno andando le cose, non sarei sorpreso di sentire parlare di una pandemia di obesità o di attacchi di cuore, seguiti da blocchi e altre restrizioni per affrontarli.

Senza dubbio anche i blocchi per aggiustare il clima non possono essere lontani. Nel caso del clima, l’OMS potrebbe trarre la conclusione che noi, la specie umana, siamo il virus. Chissà cosa potrebbero concludere e poi decidere.

Non avere dubbi: questo cosiddetto trattato pandemico è l’unica, più grande presa di potere globale che chiunque di noi abbia mai visto nella nostra vita. Non è altro che il lavoro di base, la posa di fondamenta profonde per la governance globale attraverso l’OMS.

Molti di coloro che si oppongono al trattato – e c’è una petizione online qui nel Regno Unito che cerca di chiedere che la questione venga discussa in parlamento – hanno indicato la posizione, per così dire, compromessa dell’OMS stessa. Si è parlato molto dell’idea che un pesce marcisca dalla testa. Nel 2017, Robert Mugabe dello Zimbabwe è stato nominato ambasciatore di buona volontà dell’OMS, da Tedros, e si è ritirato solo dopo le urla di indignazione di coloro che hanno sottolineato che Mugabe potrebbe essere stata una scelta controversa di ragazzo poster per un’organizzazione teoricamente impegnata al benessere delle persone viventi. Uno sguardo ai 34 membri del Comitato Esecutivo dell’OMS rivela posti occupati da luminari dei diritti umani come Siria e Timor Est, tra gli altri.

E ricorda tutto il tempo i legami che l’OMS ha con la Cina comunista, uno stato con più violazioni dei diritti umani alle spalle di quanto qualsiasi essere umano decente potrebbe voler contemplare. E questo prima di arrivare alla presenza incombente del quarto uomo più ricco del mondo, l’unico Bill Gates, e della sua Fondazione, il cui impegno per la vaccinazione di massa è insuperabile.

Per quanto mi riguarda, il tutto puzza, come il suddetto pesce morto. L’approccio adottato al Covid dal governo cinese e approvato dall’OMS non ha mai riguardato la salute, dico io, ma sempre il controllo.

Proprio come c’è più di un modo per scuoiare un gatto – uno picchiato a morte in una strada di Shanghai da un uomo con una tuta ignifuga armato di un bastone, forse – così c’è più di un modo per cercare di imporre un controllo antidemocratico e autoritario su una popolazione.

Un governo o addirittura qualsiasi organismo non eletto che cerchi il controllo totale potrebbe dire alla sua gente che, a meno che non faccia ciò che gli viene detto, non tornerà mai a nulla che assomigli alle loro vecchie vite normali. Non è così che proteggi le persone da una pandemia. È così che sfrutti e manipoli la nozione stessa di pandemia per prendere e mantenere il controllo.

E poi, mentre sono ancora terrorizzati, o semplicemente esausti e demoralizzati dall’intera dannata esperienza, perché non scivolare attraverso ogni sorta di nuova legislazione modellata per rastrellare l’ombra di qualunque libertà e diritto?

Sono, anche secondo la mia stessa stima, il più improbabile dei ribelli.

Tutto quello che so è che, per un periodo ormai misurabile in anni, mi sono opposto a coloro che detengono il potere, e anche a tutti tranne una manciata di coloro che gareggiano per sostituirli. Per molto tempo non mi è importato un briciolo di quello che quei burloni cercano di dirmi di fare. Le prove che emergono ora, sui danni del lockdown, sui danni dei vaccini, mi dicono che avevo ragione a seguire la mia strada. In breve, ne ho abbastanza di loro. Non parlano per me o in alcun modo mi interessano.

Se questo trattato sulla pandemia si avvererà, lo ignorerò. Ignorerò qualsiasi blocco futuro ordinato da qualsiasi potere. Non prenderò alcun vaccino obbligatorio, non finché avrò fiato nel mio corpo.

L’OMS e tutti i suoi piccoli maghi possono fare un salto di corsa. Gli uomini in giacca e cravatta possono firmare tutti i trattati che vogliono. Non mi interessa. Nessuno di loro – non Draghi, Johnson, Trudeau, Macron e gli altri – hanno lo stomaco per il lavoro umido che sarebbe necessario per mettere in atto i loro piani autoritari.

Lo dobbiamo a noi stessi. Forse lo dobbiamo anche a loro: dire loro che stanno vivendo in un mondo fantastico di loro creazione e che non vogliamo niente di tutto ciò.

Lascia che abbiano il coraggio di cercare di farci rinunciare alle nostre libertà in modo così prepotente, questo mese o nel 2024. Io per primo non sto giocando.

Come ha detto il personaggio di Patrick MacGoohan in The Prisoner – non sono un numero, sono un uomo libero.

Fonte Davide Donateo – databaseitalia

SCARICA il Brano con una piccola donazione di 1,99

ISCRIZIONE NEWSLETTER RIMANETE AGGIORNATI

Scritto da /

Lascia un Commento

Your email address will not be published.

Start typing and press Enter to search

18.371.887-ACCESSI AL SITO