IL GIORNALE FINANZIATO DA BIG PHARMA RACCOMANDA: “TASSARE I NON VACCINATI”

Un nuovo articolo pubblicato dal Center for Business Taxation dell’Università di Oxford discute – e alla fine sostiene – l’idea di una tassa speciale applicata a coloro che rifiutano di essere “vaccinati” contro il “Covid19”.

Gli autori del paper sostengono che una tassa sui vaccini sarebbe “giustificata” perché “le tasse sui comportamenti considerati indesiderabili non sono una novità ”.

E che anche se i “vaccini” arrecano gravi danni ad alcune persone…

“ alcuni stati adottano politiche che possono portare a gravi danni in casi eccezionali quando ritengono che i benefici superino i costi ”

Sì, hai letto bene.

Proseguono suggerendo tutti i modi per correggere questo “comportamento indesiderato”, dalla tassazione diretta ai crediti d’imposta per coloro che sono stati vaccinati, agli obblighi vaccinali e all’assicurazione obbligatoria Covid per i non vaccinati (che è solo un altro modo per dire “tassazione ”).

Ora, qui è dove potremmo – e normalmente lo faremmo – scomporre l’articolo paragrafo per paragrafo. Analizzeremmo le argomentazioni, includeremmo dati che ignorano, evidenzieremmo errori logici… sai, il solito.

Non lo faremo oggi.

Potremmo sottolineare che il rapporto infezione-mortalità per i “casi” di Covid è minuscolo.

O che i cosiddetti “vaccini” non prevengano né il contagio né la trasmissione della presunta nuova malattia denominata “Covid19”.

Potremmo lanciarci in una discussione legale sui diritti civili, il Codice di Norimberga e la coercizione medica.

Ma non faremo niente di tutto questo.

Perché sono passati due anni e la vita è troppo breve. L’abbiamo fatto abbastanza, i fatti sono tutti lì per chiunque abbia abbastanza cura di trovarli .

Invece, citeremo solo la pagina “Informazioni” dell’Oxford Center for Business Taxation, con un po’ di enfasi in più…

Il Center for Business Taxation è stato costituito nel 2005 ed è stato inizialmente finanziato da consistenti donazioni da parte di un gran numero di membri del Hundred Group . Alcune di queste società e altre continuano a sostenere la CBT . I donatori durante l’anno sono stati AstraZeneca [e] GlaxoSmithKline Plc

Per essere chiari, l’ Hundred Group è un gruppo di lobby che lavora per conto di tutti i membri del FTSE100.

GlaxoSmithKline è una delle più grandi aziende farmaceutiche al mondo e ha collaborato con il colosso francese Sanofi per produrre un vaccino Covid che ha fruttato miliardi alle aziende in contratti di fornitura, nonostante non sia ancora stato approvato per l’uso pubblico.

Se hai letto qualcosa sul Covid, non hai bisogno che ti diciamo chi è AstraZeneca.

La CBT – e quindi la carta – sono finanziate da big business e big pharma.

Abbiamo davvero bisogno di aggiungere altro?

Fonte OffGuardian- databaseitaia.it

SCARICA il Brano con una piccola donazione di 1,99

ISCRIZIONE NEWSLETTER RIMANETE AGGIORNATI

Scritto da /

Lascia un Commento

Your email address will not be published.

Start typing and press Enter to search

18.371.887-ACCESSI AL SITO