Decine di migliaia di manifestanti marciano per Vienna con cartelli “No al fascismo vaccinale” in furiosa manifestazione contro i vaccini obbligatori COVID

Fonte dailymail.co.uk

  • La polizia ha detto che circa 44.000 persone hanno partecipato alla manifestazione, l’ultima di una serie di proteste del fine settimana
  • Arriva dopo che Vienna ha annunciato che i residenti non vaccinati in Austria sarebbero stati multati per non essere stati colpiti.
  • Il mese scorso, l’Austria è diventata il primo paese dell’UE a dire che avrebbe reso obbligatorie le vaccinazioni Covid
  • Un confinamento parziale dal mese scorso termina domenica per i vaccinati completamente, ma coloro che non hanno ricevuto le dosi richieste dovranno rimanere a casa

Decine di migliaia di persone sono scese oggi nelle strade di Vienna per protestare contro i vaccini Covid obbligatori e gli ordini di confinamento domiciliare, con gli austriaci non vaccinati che saranno multati e limitati nei prossimi mesi.

La polizia ha detto che circa 44.000 persone hanno partecipato alla manifestazione che ha visto i cartelli “no al fascismo vaccinale” tenuti in alto, l’ultimo di una serie di enormi proteste del fine settimana da quando l’Austria il mese scorso è diventato il primo paese dell’UE a dire che avrebbe reso obbligatorie le vaccinazioni Covid.

Un confinamento parziale dal mese scorso termina domenica per i completamente vaccinati, ma coloro che non hanno ricevuto le dosi richieste dovranno rimanere a casa.

Decine di migliaia di persone sono scese oggi nelle strade di Vienna (nella foto di fronte all’Opera di Stato) per protestare contro i vaccini Covid obbligatori e gli ordini di confinamento domiciliare, con gli austriaci non vaccinati che saranno multati e limitati nei prossimi mesi

I manifestanti tengono bandiere e cartelli mentre marciano per protestare contro le restrizioni sulla malattia da coronavirus (COVID-19) e il mandato vaccinale a Vienna, Austria, 11 dicembre

Nella foto: Un uomo viene affrontato a terra dalla polizia durante le proteste anti-vaccino e le restrizioni Covid a Vienna sabato

Le persone si riuniscono a Heldenpltaz per protestare contro le misure Covid-19 e il vaccino COVID-19 obbligatorio a Vienna, in Austria, l’11 dicembre 2021
Gli agenti di polizia intervengono nelle persone che si radunano a Heldenpltaz per protestare contro le misure Covid-19 e il vaccino COVID-19 obbligatorio a Vienna, in Austria, l’11 dicembre 2021

Nella foto: Un uomo viene allontanato da due agenti di polizia a Vienna tra le proteste contro le misure Covid-19 di sabato

Qualcuno regge un cartello che dice “No alla vaccinazione obbligatoria” a Vienna sabato durante le protesteMigliaia di austriaci protestano contro le restrizioni e il mandato sui vaccini

“No al fascismo vaccinale”, recitava un cartello di protesta.
“Non sono un neonazista o un teppista”, ha detto un altro, “sto combattendo per la libertà e contro il vaccino”.
La vaccinazione è obbligatoria da febbraio per tutti i residenti di età superiore ai 14 anni, tranne nel caso di una dispensa per motivi di salute.
Nessuno sarà vaccinato con la forza, ha detto il governo, ma chi rifiuta il colpo dovrà pagare una multa iniziale di 600 euro (£ 510), che può poi aumentare a 3.600 euro (£ 3.070) ogni tre mesi se non risolta.
Il reddito delle persone e altri obblighi finanziari saranno presi in considerazione nel calcolo delle multe.

Circa il 68% della popolazione austriaca è completamente vaccinata contro COVID-19, uno dei tassi più bassi dell’Europa occidentale.

Molti austriaci sono scettici sui vaccini, una visione incoraggiata dal Partito della Libertà di estrema destra, il terzo più grande in parlamento.

Manuela, 47 anni, ha detto di essere entrata da fuori città per la protesta.

Perché ‘escludere chi non è vaccinato, soprattutto i bambini?’ ha chiesto la madre lavoratrice che ha detto di essere stata vaccinata, ma non ha voluto dare il suo cognome.

“È una discriminazione incredibile non essere in grado di mandare un bambino a lezioni di ballo, tennis o nuoto”.

Analea, un’insegnante di violino di 44 anni che si è anche rifiutata di dare il suo cognome, ha detto che questa non era “la direzione che una democrazia dovrebbe prendere”.

“Possiamo avere opinioni e valori diversi, ma comunque vivere insieme liberamente”, ha detto.

Una raffica di gruppi ha convocato manifestazioni sabato, tra cui il Partito della Libertà di estrema destra (FPOe), guidato dal leader Herbert Kickl.

Vienna non è stata l’unica città in Europa a vedere proteste sabato, con migliaia di spagnoli che sono scesi nelle strade di Barcellona e Madrid contro le restrizioni Covid.

Il governo a guida conservatrice del paese ha annunciato giovedì i dettagli del suo piano per rendere obbligatori i vaccini contro il coronavirus. Anche Berlino ha visto proteste.

Le autorità scriveranno alle persone non vaccinate ogni tre mesi ricordando loro di ottenere i loro colpi o ottenere un medico per certificare il loro diritto a un’esenzione prima della prossima data limite.

Se continuano a non conformarsi, le multe possono essere imposte ogni tre mesi. Il procedimento sarà abbandonato se le persone produrranno nel frattempo la prova della vaccinazione.

“Abbiamo ancora l’obbligo e la necessità di aumentare la copertura vaccinale in modo da non passare dal lockdown al lockdown, anche l’anno prossimo”, ha detto Karoline Edtstadler, il ministro del gabinetto responsabile delle questioni costituzionali.

“Ci sono ancora oltre un milione di austriaci che non sono vaccinati. Sono troppi”, ha aggiunto, parlando durante una nuova conferenza con il ministro della Salute Wolfgang Mueckstein.

“Dico molto chiaramente che non vogliamo punire le persone che non sono vaccinate. Vogliamo portarli con noi, vogliamo convincerli di questa vaccinazione e vogliamo che mostrino solidarietà a tutti per riconquistare la nostra libertà”.

La vaccinazione sarà obbligatoria da febbraio per tutti i residenti austiani di età superiore ai 14 anni, tranne nel caso di una dispensa per motivi di salute. Nella foto: le persone prendono parte a una manifestazione contro le misure per combattere la pandemia di coronavirus a Vienna, in Austria, sabato 11 dicembre 2021

ISCRIZIONE NEWSLETTER RIMANETE AGGIORNATI

Scritto da /

Lascia un Commento

Your email address will not be published.

Start typing and press Enter to search

18.988.441-ACCESSI AL SITO