Covid, morto il colonnello Salvo Gagliano: aveva 57 anni

Il colonnello dei carabinieri Salvo Gagliano si è spento pochi giorni fa. Nei media di regime, non trovate nessuna menzione del fatto che il colonnello aveva fatto il siero sperimentale pochi giorni prima. Le persone vicine a lui raccontano che Gagliano non aveva alcuna intenzione di sottoporsi all’inoculazione. Sapeva dei pericoli che il siero sperimentale implicava e ha resistito fino alla fine. Le pressioni su di lui si sono sempre fatte più forti fino a quando il comando gli ha ordinato di sottoporsi al siero per poter dare una sorta di “esempio” agli altri carabinieri. Sono sempre più numerosi infatti i carabinieri, dagli ufficiali ai carabinieri semplici, che non si sono voluti fare il siero. Al Ministero dell’Interno e al Ministero della Difesa sanno perfettamente che il numero dei non vaccinati tra gli uomini in divisa, e anche tra i civili stessi, è di molto superiore a quello dichiarato dal regime.

Il regime ha falsificato clamorosamente i numeri gonfiando a dismisura la percentuale di chi ha ricevuto il siero. Il problema grosso che hanno in questo momento è dentro le forze armate e le forze dell’ordine perché sanno che i non vaccinati sono troppi e il loro ostruzionismo può far fallire i piani del regime di Mario Draghi. Senza il controllo radicale dei corpi armati nessuna dittatura può stare in piedi.

Questa è la ragione per la quale hanno stabilito l’obbligo di inocularsi un siero sperimentale per gli uomini in divisa. Questa è la ragione per la quale hanno fatto fortissime pressioni contro il colonnello Gagliano per costringerlo a farsi il siero. Loro credevano con l’obbligo di piegare la resistenza dei carabinieri e dei poliziotti che si sono rifiutati di essere usati come cavie. La morte del colonnello Gagliano e il ricatto contro i poliziotti e i carabinieri non allineati al regime probabilmente non farà altro che aumentare la resistenza e la determinazione di questi uomini. Il regime di Draghi si sta mettendo in guai seri.

ISCRIZIONE NEWSLETTER RIMANETE AGGIORNATI

Scritto da /

Lascia un Commento

Your email address will not be published.

Start typing and press Enter to search

18.234.252-ACCESSI AL SITO