BIG PHARMA, GATES, FAUCI E UFFICIALI DEL REGNO UNITO SECONDO LA CORTE PENALE INTERNAZIONALE DEI REATI CONTRO L’UMANITÀ

Fonte cz24.news

Stati Uniti / Regno Unito / UE: gli attivisti accusano i funzionari britannici e le figure sanitarie più influenti del mondo di genocidio e forniscono una serie di statistiche sugli effetti dei “vaccini” e delle politiche covid stabilite.

Il gruppo, che comprende anche l’ex vicepresidente di Pfizer, il  dott. Michael Yeadon , a nome dei cittadini britannici, ha presentato una denuncia alla  Corte penale internazionale (ICC)  contro  Boris Johnson  e funzionari britannici,  Bill e Melinda Gates , capi di importanti aziende farmaceutiche, presidente esecutivo del World Economic Forum  Klaus Schwab  e altri per  crimini contro l’umanità .

Il gruppo britannico, i cui membri sono un astrofisico e il direttore del servizio funebre, ha inoltre accusato il  dott. Anthony Fauci ,  Tedros Adhanom Ghebreyesus , direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS),  June Raine , direttore esecutivo dell’Ufficio per la regolamentazione dei medicinali e dei prodotti medici (MHRA), il  dott. Radiv Shah , presidente della Fondazione Rockefeller; e il  dott. Peter Daszak , Presidente dell’EcoHealth Alliance, come “responsabile delle numerose violazioni del Codice di Norimberga – Crimini di guerra e crimini di aggressione” nel Regno Unito e in altri paesi.

“Per fermare l’introduzione della vaccinazione covid, l’introduzione dei passaporti di vaccinazione illegale e tutti gli altri tipi di guerra illegale – contro il popolo del Regno Unito”.

In una  denuncia  (download .docx) presentata il 6 dicembre, il gruppo ha presentato prove che i “vaccini” covid-19 erano in realtà terapie geniche sperimentali sviluppate dalla ricerca sul coronavirus dei pipistrelli e ha affermato che questi “vaccini” avevano causato morti e lesioni di massa e che il governo del Regno Unito non ha indagato su questi decessi e feriti riportati.

  • che il numero di casi di covid e decessi all’interno del quadro è stato gonfiato artificialmente;
  • che le maschere facciali sono dannose per ipossia, ipercapnia e altre cause;
  • e che i test PCR sono “completamente inaffidabili” e “contengono ossido di etilene cancerogeno”.

Hanno inoltre affermato che un trattamento efficace del covid-19, come l’  idrossiclorochina e l’ivermectina , è stato soppresso, portando a più decessi per covid-19.

Affermano che i blocchi sono stati introdotti con il pretesto di  numeri gonfiati artificialmente di infezioni  e decessi causati dal virus modificato, così come i “vaccini” sperimentali hanno portato a:

  • Nel solo Regno Unito sono state segnalate lesioni e decessi massicci a breve termine, almeno 395.049 reazioni avverse ai “vaccini” covid,
  • un forte aumento delle chiamate a ChildLine da bambini vulnerabili durante i blocchi; “Distruzione di proprietà e attività commerciali” a seguito di blocchi ordinati;
  • grave privazione della libertà fisica in violazione delle norme fondamentali del diritto internazionale, compresi i divieti di viaggio e di riunione, la quarantena forzata e l’autoisolamento; apartheid a causa della segregazione da parte della proprietà del passaporto del vaccino;
  • e la prevista riduzione della fertilità dopo la “vaccinazione”, oltre ad altri effetti fisici e psicologici dannosi.

Inoltre, i querelanti affermano che “la soppressione di un trattamento alternativo sicuro ed efficace per il covid-19 equivale a un omicidio e richiede un’indagine giudiziaria completa”.

Hanno notato che oltre a censurare le informazioni online su questi trattamenti alternativi e promuoverli,  “alcune riviste accademiche stanno bloccando la pubblicazione di studi che dimostrano l’efficacia di farmaci come l’ivermectina e l’idrossiclorochina” .

I richiedenti hanno anche citato i sopravvissuti all’Olocausto come  “paralleli netti tra i limiti del covid e l’inizio dell’Olocausto” .

In una lettera aperta  ai  sopravvissuti all’Olocausto, i regolatori medici chiedono  “la fine immediata di questo empio esperimento medico sull’umanità”, che secondo loro  viola il Codice di Norimberga.

Afferma persino che  “un altro più grande Olocausto sta avvenendo sotto i nostri occhi”.

Uno dei sopravvissuti, Vera Sharav, ha osservato in un’intervista citata nella denuncia:

“L’Olocausto insegna una dura lezione che ogni volta che i medici contattano il governo e si discostano dal loro impegno personale, professionale e clinico di non danneggiare gli individui, la medicina nelle professioni mediche e umanitarie può trasformarsi in un apparato omicida”.

“Ciò che distingue l’Olocausto da tutti gli altri genocidi di massa è il ruolo chiave svolto dalla struttura medica, l’intero stabilimento medico. Ogni fase del processo di omicidio è stata supportata da un’istituzione medica accademica e professionale. Medici e prestigiose società e istituzioni mediche hanno legittimato l’infanticidio, lo sterminio di massa di civili”.

Secondo i querelanti, tutti gli effetti dannosi dei “vaccini”, dei blocchi e del virus  soddisfano i criteri di genocidio, crimini contro l’umanità e crimini di guerra  contro la popolazione del Regno Unito, perché gli autori “i membri del governo del Regno Unito e i leader mondiali sono consapevoli e intenti su questi crimini’.

In effetti, sostiene che gli effetti devastanti di “vaccini”, blocchi e virus artificiali  sono tentativi deliberati di spopolamento e destabilizzazione della società come parte di un piano coordinato a livello globale per consolidare ricchezza e potere nelle mani di pochi.

Egli sostiene che le misure costituiscono quindi anche un “reato di aggressione”, cioè un tentativo di “controllare o dirigere efficacemente l’azione politica o militare dello Stato”.

In questo caso, l’obiettivo è  “smantellare gradualmente tutti gli Stati nazionali democratici”  e  “distruggere le piccole e medie imprese e trasferire quote di mercato nelle mani delle più grandi società” di proprietà degli ultra-ricchi, in modo che questa  “élite” gruppo ottiene un maggiore controllo politico e monetario .

ISCRIZIONE NEWSLETTER RIMANETE AGGIORNATI

Scritto da /

Giornalista professionista, conduttrice e autrice Rai. Ha scritto e prodotto la serie tv teen, Dalia de las Hadas, andata in onda in Italia sulle reti Mediaset e venduta in America e in Messico, Gruppo Fox.

Lascia un Commento

Your email address will not be published.

Start typing and press Enter to search

18.234.252-ACCESSI AL SITO