ANCHE LA COLUMBIA BRITANNICA INTERROMPE I REPORT MENSILI SUL COVID – I TASSI DI MORTALITÀ AUMENTANO CON LA VACCINAZIONE

Dopo che il Manitoba, in Canada, l’agenzia per la salute pubblica ha riportato dati che mostrano che coloro che sono completamente vaccinati (non potenziati) per COVID-19 hanno un rischio maggiore di morire a causa del virus rispetto agli individui non vaccinati, i funzionari sanitari hanno smesso di riferire sui dati, una tendenza osservata in altri paesi, tra cui Scozia, Regno Unito e Stati Uniti

Manitoba, con una popolazione di 1,4 milioni , è stata la prima provincia canadese la cui agenzia di salute pubblica ha riportato dati che mostrano che coloro che sono completamente vaccinati per COVID-19 hanno un rischio maggiore di morire per COVID-19 rispetto agli individui non vaccinati.

I dati standardizzati per età risalgono a maggio 2022, ma sono apparsi l’ultima volta nel rapporto del 3 agosto di Manitoba :

grafico 1 figura 6 dati standardizzati per età maggio 2022

Credito: Manitoba Public Health

Come indica la figura sopra, per il mese di maggio, Manitoba Public Health ha riportato un aumento del 40% del rischio di morte associato a COVID-19 negli individui “completamente vaccinati” rispetto ai non vaccinati.

Sebbene vecchi di tre mesi, i dati di maggio sono, al momento della stesura di questo documento, gli ultimi riportati dalla provincia canadese.

Il rischio di tendenza di Manitoba di esiti gravi in ​​base allo stato di vaccinazione

I dati di maggio sugli esiti gravi per stato di vaccinazione fanno parte di una tendenza mensile che suggerisce una ridotta efficacia del vaccino nel tempo.

Entro la fine di dicembre 2021, il 74,7% dei manitobani era vaccinato per COVID-19 e il 18,7% non era vaccinato, secondo il rapporto settimanale di Manitoba Public Health per il 19-25 dicembre 2021.

A quel tempo, Manitoba non riferiva di gravi esiti di COVID-19 in base allo stato di vaccinazione.

Il 12 gennaio 2022, Global News ha riferito che tra il 22 novembre 2021 e il 2 gennaio 2022, le persone potenziate (barra viola) avevano 63 volte meno probabilità di morire per COVID-19 rispetto alle persone non vaccinate (barra rossa):

grafico-2-risultati-gravi-morte

Credito: notizie globali

Gli individui potenziati avevano anche 26 volte meno probabilità di essere ricoverati in ospedale:

grafico-3-esiti-gravi-ricoveri

E le persone potenziate avevano 139 volte meno probabilità di essere ricoverate nell’Unità di Terapia Intensiva (ICU) rispetto alle persone non vaccinate:

chart-4-icu-ammissioni

I rapporti settimanali del Manitoba Public Health non riportavano questi dati in quel momento.

Manitoba ha segnalato per la prima volta esiti gravi per stato di vaccinazione nel marzo 2022 , quindi ha aggiornato i numeri ogni mese per i tre mesi successivi.

In quei rapporti, il rischio di un esito grave era standardizzato per età e riportato per 100.000 giorni-persona.

La standardizzazione dell’età, chiamata anche aggiustamento dell’età , è una procedura statistica che consente il confronto di gruppi con diverse strutture di età. Viene utilizzato perché i rischi di morte e gli esiti gravi sono diversi a seconda dell’età di una persona.

Con il COVID-19, ad esempio, è risaputo che gli anziani corrono un rischio maggiore di ospedalizzazione e morte per COVID-19. Se gli anziani hanno maggiori probabilità di optare per la vaccinazione e il potenziamento, i gruppi vaccinati e potenziati avrebbero una percentuale maggiore di anziani, che sono a maggior rischio di esiti gravi, rispetto al gruppo non vaccinato.

Senza la standardizzazione dell’età, le statistiche non mostrerebbero l’impatto della vaccinazione indipendentemente dall’età.

Ecco i primi dati comparativi di Manitoba Public Health sugli esiti gravi standardizzati per età di COVID-19:

Credit: Manitoba Public Health

Sebbene ci fossero quasi 5 delle 16 settimane che si sovrapponevano alla finestra temporale in cui riportava Global News, l’efficacia del vaccino contro esiti gravi era in qualche modo precipitata.

Poi nel successivo rapporto che copriva il solo mese di marzo, l’efficacia del vaccino è calata maggiormente (si noti il ​​rischio 3 volte maggiore di ricovero in terapia intensiva nei parzialmente vaccinati):

grafico-6-efficacia-vaccino-abbassata

Credit: Manitoba Public Health

E nel prossimo rapporto , l’efficacia del vaccino è ulteriormente diminuita:

grafico-7-efficacia-vaccino-diminuito ulteriormente

Credito: Manitoba Public Health

Manitoba Public Health, senza spiegazioni, ha smesso di segnalare il tasso di esiti gravi nei “parzialmente vaccinati”.

Infine, il rapporto più recente ci ha mostrato i risultati di maggio 2022:

grafico-8-maggio-2022

Credito: Manitoba Public Health

Per il mese di maggio, la Figura 6 (sopra) mostra che gli individui non vaccinati erano il 40% meno a rischio di morte associata a COVID-19 rispetto agli individui completamente vaccinati e il loro rischio era lo stesso degli individui potenziati.

Le persone non vaccinate avevano anche il 30% in meno di probabilità di richiedere il ricovero in ospedale rispetto alle persone vaccinate e il 10% in più di probabilità di essere ricoverate in ospedale rispetto alle persone potenziate.

Le persone non vaccinate avevano maggiori probabilità di richiedere il ricovero in terapia intensiva: il 20% in più rispetto alle persone completamente vaccinate e l’80% in più rispetto alle persone potenziate.

Manitoba non ha riferito su questi risultati per il mese di giugno o per qualsiasi altro periodo successivo.

L’ ultimo rapporto di Manitoba , datato 11 agosto, annunciava:

“Gli aggiornamenti mensili sugli esiti gravi dopo che la vaccinazione è stata interrotta a partire dalla settimana 31 [31 luglio-agosto. 6]. Manitoba Health continuerà a monitorare l’efficacia del vaccino contro il COVID-19 e riferirà periodicamente quando i dati lo consentiranno”.

Al momento della stesura di questo articolo, Manitoba Public Heath non aveva risposto a una richiesta di spiegazione del motivo per cui ha smesso di segnalare questi dati.

Nonostante i loro ultimi dati mostrino un aumento del rischio di morte e ospedalizzazione negli individui vaccinati e nessun beneficio di sopravvivenza nei potenziati, gli autori riassumono paradossalmente:

“I vaccini COVID-19 continuano a fornire un’importante protezione contro malattie gravi a seguito di infezione a causa di tutte le varianti di preoccupazione (VOC) di COVID-19”.

Le agenzie di sanità pubblica smettono di segnalare dati scomodi

Sebbene il giornalista indipendente Alex Berenson abbia richiamato l’attenzione su questi dati ufficiali, non ci sono notizie sui media mainstream su questa tendenza inquietante in Manitoba.

Né i media hanno riportato il motivo per cui Manitoba ha improvvisamente smesso di rilasciare questi dati. Ciò sembra essere parte di una tendenza più ampia per cui le agenzie pubbliche terminano la segnalazione di gravi esiti di COVID-19 in base allo stato di vaccinazione.

Ad esempio, la provincia canadese della British Columbia (BC), come Manitoba, per un certo periodo ha prodotto rapporti settimanali che includevano dati stratificati per età sugli esiti gravi di COVID-19 in base allo stato di vaccinazione.

Ma alla fine di luglio, il sito web del BC Center for Disease Control ha dichiarato : “A partire dal 28 luglio, i grafici Outcomes by Vax e Vax Donuts sono stati ritirati”.

CTV News Vancouver, una stazione di notizie canadese, ha chiesto spiegazioni al Ministero della Salute della BC . Una risposta inviata via e-mail da un portavoce del ministero diceva, in parte:

“Poiché la maggior parte della popolazione è stata ora vaccinata con almeno due dosi di vaccino e molti altri sono stati infettati da COVID-19, i dati sono diventati difficili da interpretare”.

Anche l’Ontario, vicino a Manitoba, riportava settimanalmente gli esiti gravi di COVID-19 in base allo stato di vaccinazione.

Tuttavia, il sito Web ” COVID-19 Vaccine Data in Ontario ” ora afferma che i dati sull’ospedalizzazione per stato di vaccinazione e i dati sui casi per stato di vaccinazione non saranno più pubblicati a partire dal 30 giugno e che i tassi di casi per stato di vaccinazione e dati sulla fascia di età non saranno più essere pubblicato a partire dal 13 luglio.

L’Ontario continua a segnalare i decessi in base allo stato di vaccinazione , ma come dati grezzi in un file CSV che può essere scaricato e che richiede alla persona che lo scarica di generare il grafico.

La Scozia interrompe la comunicazione dei dati a causa del “crescente rischio di interpretazioni errate dovute alla crescente complessità”

La Scozia pubblica rapporti settimanali e utilizzati per segnalare gravi esiti di COVID-19 in base allo stato di vaccinazione.

Nel rapporto settimanale pubblicato il 2 marzo , Public Health Scotland (PHS) ha annunciato che gli esiti gravi per stato di vaccinazione “non saranno più riportati su base settimanale dal 16 febbraio 2022”.

I funzionari hanno detto:

“A causa del crescente rischio di interpretazioni errate dovute alla crescente complessità mentre la pandemia COVID-19 entra nel suo secondo anno (come descritto di seguito), PHS ha deciso di non segnalare più casi COVID-19, ricoveri e decessi per stato di vaccinazione su base settimanale base.”

Se esaminiamo gli ultimi dati comparativi pubblicati dalla Scozia , vediamo che i non vaccinati hanno goduto di una protezione significativa dalle infezioni rispetto ai vaccinati:

chart-9-scozia-dati-comparativi-vaccino-covid

Credit: Public Health Scotland

La tabella sopra mostra che il tasso di casi standardizzato per età stava crescendo nei soggetti completamente vaccinati e potenziati rispetto ai non vaccinati.

In altre parole, l’efficacia del vaccino era negativa e diventava sempre più negativa con il passare del tempo.

Per quanto riguarda esiti gravi come il ricovero, i vaccinati completamente avevano un rischio maggiore rispetto ai non vaccinati ogni settimana e si avvicinavano a quasi il doppio dei non vaccinati entro la fine del periodo di riferimento:

grafico-10-scozia-risultati-gravi-ospedalizzazione

Credito: Public Health Scotland

PHS ha evidenziato il vantaggio che i potenziati avevano sui non vaccinati in verde. Era quello l’intento? O era per distrarci da ciò che stava accadendo nei completamente vaccinati?

Infine, per quanto riguarda la mortalità da COVID-19, ancora una volta i vaccinati integralmente erano a maggior rischio di morte:

grafico 11 esiti gravi di morte in scozia

Credito: Public Health Scotland

Gli scozzesi potenziati sono rimasti a minor rischio di morte rispetto ai non vaccinati poiché l’ombreggiatura verde si accentua.

Tuttavia, l’ultima volta che la Scozia ha riportato questi numeri, i vaccinati stavano peggio contro la stessa malattia da cui il vaccino doveva proteggerli.

Il Regno Unito interrompe la pubblicazione dei dati perché . . . non più test COVID gratuiti?

I rapporti settimanali dell’Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito includevano anche una sezione chiamata “Stato vaccinale in casi, decessi e ricoveri”.

Tuttavia, nel rapporto sulla settimana 14 , pubblicato il 7 aprile, l’agenzia ha annunciato: “I dati sullo stato di vaccinazione dei casi di COVID-19, sui decessi e sui ricoveri con COVID-19 non sono più pubblicati”.

Nella relativa sezione della relazione, si afferma:

“Dal 1 aprile 2022, il governo del Regno Unito ha interrotto la fornitura di test COVID-19 universali gratuiti per il pubblico in generale in Inghilterra, come stabilito nel piano per la convivenza con COVID-19 .

“Tali cambiamenti nelle politiche di test influiscono sulla capacità di monitorare in modo solido i casi di COVID-19 in base allo stato di vaccinazione, pertanto, dal rapporto della settimana 14 in poi questa sezione del rapporto non sarà più pubblicata.

“Per ulteriore contesto e dati precedenti, consultare i precedenti rapporti sulla sorveglianza del vaccino e il nostro post sul blog “.

L’agenzia non ha fornito alcuna spiegazione del motivo per cui la fine dei test COVID-19 gratuiti avrebbe influito sulla segnalazione di ricoveri e decessi associati a COVID-19.

Il rapporto della settimana precedente, pubblicato il 31 marzo , conteneva ancora i dati nella “Tabella 14. Tassi non corretti di infezione da COVID-19, ospedalizzazione e morte nelle popolazioni vaccinate e non vaccinate”.

Ma a differenza delle province canadesi, i dati non includevano individui completamente vaccinati, solo quelli che hanno ricevuto un richiamo.

Tuttavia, i dati raccontano ancora una storia deludente sull’efficacia del vaccino. Ecco gli ultimi dati riportati dal Regno Unito che confrontano la popolazione non vaccinata con quella potenziata:

chart-12-UK-covid-vaccine-data

Credito: Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito

Questa tabella è stata stratificata per gruppo di età e tre dosi sembravano avere un impatto minimo sul già molto basso tasso di mortalità nelle persone di età inferiore ai 50 anni, mentre i decessi tra gli 80 e gli anziani erano dimezzati nel gruppo potenziato.

La cosa più notevole è che in ogni fascia di età, il rischio di contrarre il COVID-19 era da 3 a 5 volte più alto negli individui potenziati rispetto a quelli non vaccinati. Data la protezione inferiore fornita dalla sola vaccinazione completa, possiamo supporre che la vaccinazione completa sia andata anche peggio.

Gli Stati Uniti

I Centers for Disease Control and Prevention (CDC) segnalano i decessi per stato di vaccinazione, ma non includono gli individui potenziati.

Anche i dati risalgono a quasi tre mesi fa, nonostante le assicurazioni che questi numeri vengano aggiornati mensilmente. Ci sono troppo pochi decessi nella categoria di età inferiore ai 18 anni per essere denunciati.

I dati del CDC indicano che a maggio 2022, nella fascia di età compresa tra 30 e 49 anni, circa 1 milione di persone doveva essere vaccinato per prevenire un singolo decesso di COVID-19 a settimana.

Quel numero è quasi 3 milioni per gli adulti dai 18 ai 29 anni.

Quando il CDC riprenderà a riferire sui decessi per COVID-19, se mai? E perché il CDC ha smesso di confrontare i ricoveri nei non vaccinati con quelli che hanno completato la serie primaria (non potenziata) nel novembre 2021?

Come nel Regno Unito, i confronti vengono effettuati solo con il potenziato.

A differenza delle province canadesi, della Scozia e del Regno Unito, il CDC non ha ancora fatto un annuncio formale sulla fine della segnalazione degli esiti di COVID-19 tra vaccinati e non vaccinati.

Invece, l’agenzia sembra aver tacitamente ammesso che i vaccini disponibili sono essenzialmente inefficaci emettendo linee guida “snelle” che non si differenziano in base allo stato del vaccino a partire dall’11 agosto.

Sebbene il CDC stia segnalando che possiamo allentare le restrizioni sui non vaccinati, non dimentichiamo che gli “ultimi dati” di Manitoba, Regno Unito e Scozia hanno indicato che i risultati del COVID-19 erano peggiori nei soggetti completamente vaccinati e avevano una tendenza al ribasso prima del misterioso e la decisione simultanea di più agenzie di sanità pubblica di porre fine a tale segnalazione.

Alcuni degli “ultimi dati” sono stati riportati più di sei mesi fa. Come stanno ora i vaccinati?

Julie Comber è una giornalista scientifica freelance per The Defender.

Madhava Setty, MD . è redattore scientifico senior per The Defender.

L’immagine in primo piano proviene da CHDLa fonte originale di questo articolo è 

Children’s Health DefenseCopyright ©  Dr. Julie Comber e Madhava Setty , 

Fonte database Italia

SCARICA il Brano con una piccola donazione di 1,99

ISCRIZIONE NEWSLETTER RIMANETE AGGIORNATI

Scritto da /

Lascia un Commento

Your email address will not be published.

Start typing and press Enter to search

18.988.441-ACCESSI AL SITO